Aumentare il seno: pillola, crema e aumento naturale

Aumentare il seno: pillola, crema e aumento naturale

Aumento del seno è uno dei desideri estetici più frequenti per le donne, ma nello stesso tempo l’utilizzo della chirurgia estetica solleva notevoli perplessità e paure, legate non solo all’uso del bisturi o dell’anestesia totale, ma anche alla possibilità che le protesi al silicone utilizzate nella mastoplastica possano rompersi.

Dunque, l’aumento del seno è sempre stato un problema serio e di non facile soluzione. Solamente negli ultimi anni il progresso scientifico e lo sviluppo di diversi prodotti naturali, grazie al lavoro di numerosi ricercatori e ad una maggiore conoscenza della macchina biologica umana, hanno reso possibile elaborare dei metodi non chirurgici per determonare un aumento delle dimensioni del tuo seno.

Pillole e creme: aumentare il seno con facilità

Uno tra i metodi non invasi più utilizzati negli ultimi tempi per l’ aumento del seno è costituito dalla prescrizione di particolari pillole, delle compresse contenenti un principio attivo a base di fitoestrogeni in grado di favorire un’ulteriore crescita dei tessuti cutanei mammellari. Tale sistema viene oggi rimpiazzato da apposite creme, prodotte sempre con fitoestrogeni e comodamente applicabili direttamente sui tuoi seni. Al momento questa soluzione è una delle più gettonate, sia per le sue proprietà
tonificanti sia per la comodità e la sicurezza di un farmaco applicato direttamente nell’area interessata.

Aumentare il seno utilizzando dispositivi tecnologici

stimolatore-senoTra le apparecchiature tecnologiche più utilizzate per aumentare il seno figurano gli stimolatori. Si tratta di particolari dispositivi elettrici che agiscono in diversi modi, ma in ogni modalità sono in grado di migliorare il grado di fermezza dei seni e, in alcuni casi, indurre un aumento di dimensione. Alcuni apparecchi agiscono producendo delle vibrazioni, che risultano modulate secondo diverse intensità e vengono eseguite conformemente a specifici programmi di massaggio; l’azione dello strumento viene convogliata in determinate zone, quelle aree che maggiormente influiscono nel tonificare e aumentare il volume del tuo seno.

Altri dispositivi, invece, sono in grado di sottoporre i tessuti da trattare ad uno stato di trazione forzata, dunque un’azione sempre di tipo meccanico che conduce nel tempo all’espansione dell’area del seno trattata. Quest’ultima soluzione, secondo le statistiche, si è rivelata particolarmente pratica ed efficace, in quanto il dispositivo è costituito da due coppe su cui adagiare i seni, esattamente come un reggiseno, e agisce autonomamente, ovvero senza l’ausilio di un operatore che ne indirizzi il movimento. Nello specifico è consigliato di utilizzare l’attrezzatura per almeno dieci ore al giorno e per un periodo di circa tre mesi, col fine di garantire maggiori risultati.

Medicina estetica aumento del seno senza bisturi: l’acido ialuronico

Un’ulteriore soluzione che rientra nei programmi di medicina estetica, ma comunque non prevede l’uso del bisturi, è costituita dall’iniezione di acido ialuronico direttamente nel tessuto mamellare del seno. Tale tipologia di contributo è definita riempitiva e la sostanza iniettata produce un aumento dei seni che dura all’incirca un anno, dopodiché la sostanza viene assimilata dal corpo, ma senza generare i temuti effetti collaterali. Un altro aspetto svantaggioso per questa soluzione estetica è rappresentato dal fatto che l’aumento massimo che potrai ottenere non supera più di una taglia la tua situazione di partenza.

Aumentare il seno con l’alimentazione

Uno degli ultimi approcci scientifici per l’aumento del seno è del tutto naturale e consiste in un’accurata selezione di alimenti ricchi di fitoestrogeni, in associazione ad un regime dietetico che permette di ottimizzare il funzionamento dell’organismo e potenziare l’azione di queste benefiche molecole. I fitoestrogeni, infatti, sono particolari molecole prodotte nel mondo vegetale in grado di congiungersi, nell’uomo, con i recettori degli estrogeni, in modo da imitare o modulare l’azione di questi ultimi. I cibi in cui queste molecole sono contenute sono molto comuni e soprattutto sono di gradevole sapore. Tra i più noti figurano la soia, il latte, i semi di vario tipo, come zucca, girasole, lino, spezie, fagioli e piselli, cereali, frutta e verdura e il caffè.

Comunque, prima di pianificare una dieta corretta occorre consultare il medico e stabilire la quantità di estrogeno presente nel sangue, in quanto così come uno scarso livello di tali sostanze causa problemi mestruali o cisti ovariche, l’eccesso è ugualmente dannoso per il tuo organismo. Un secondo fattore da associare al metodo è il mantenimento di una vita sana, in particolare senza alcolici e fumo, mentre non è da sottovalutare l’eccessiva attività fisica, che può causare una diminuzione del livello di estrogeni, determinando una notevole perdita di peso e, di conseguenza, una diminuzione della dimensione dei seni.


Medicina Roma non entra in merito nel rapporto medico-paziente. Ogni informazione pubblicata dall’ autore Medicina Roma non esprime il giudizio di un medico. Per qualsiasi visita, diagnosi o prevenzione accurata rivolgiti al medico specialista. Se questo articolo ti è piaciuto puoi scaricare gratuitamente i nostri ebook o iscriverti alla newsletter e lasciare il tuo commento di seguito.

About MedicinaRoma.it

Le informazioni diffuse da MedicinaRoma.it sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico. Questo sito non è un periodico, non ha cadenze di aggiornamento preordinate e prevedibili, non ha costi per l’ utente finale e non è una testata giornalistica.