La Dieta Dukan : consigli

La Dieta Dukan : consigli

Dieta Dukan : Mangiare secondo la dieta Dukan; La Dieta Dukan è stata creata da un medico nutrizionista nonché esperto di comportamenti alimentari di origini algerine naturalizzato francese.

Si tratta del Dott. Pierre Dukan dal quale ha preso il nome un nuovo regime alimentare che aiuta uomini e donne a perdere peso in modo definitivo. Il dottore francese si è laureato presso l’università di Tolosa in Francia e a tale riguardo ha anche scritto un libro che porta proprio il titolo ” La Dieta Dukan” bestseller mondiale. La dieta Dukan è ideata su un’alimentazione a base proteica dove l’apporto di grassi è decisamente ridotto e anche quello dei carboidrati è molto limitato. Per intraprendere la dieta Dukan è necessario conoscere gli alimenti consentiti che sono circa un centinaio e imparare a combinarli secondo uno schema preciso che porterà a perdere peso in tempi relativamente più brevi rispetto alle diete tradizionali.

Come funziona la dieta Dukan

La dieta Dukan si caratterizza per essere scandita da 4 fasi fondamentali che si distinguono nelle prime due, mirate esclusivamente alla perdita di peso e le altre due che mirano al mantenimento nel tempo. Lo schema di questo regime alimentare prevede anche la necessità di fare attività fisica e in generale di seguire scrupolosamente le regole che daranno effettivi risultati, pena il vanificarsi di tutti gli sforzi e la necessità di ricominciare da capo il percorso.

dieta-dukan-fasi

La prima fase della dieta Dukan

La prima fase è quella dell’attacco altrimenti detta “fase d’urto” dove sono permessi soltanto alimenti a base di proteine, quindi la carne in primis. Per quanto invece riguarda i tipi di carne permessa ci sono quella rossa di vitello o di cavallo e quelle bianche di pollo e di tacchino. E’ possibile anche inserire nella dieta affettati come la bresaola o il prosciutto crudo privato delle parti grasse. Vanno bene anche le proteine del pesce, dell’uovo (solo l’albume), il latte scremato e i tutti i latticini magri come ricotta e mozzarella, te e caffè ma usando solo dolcificanti (sono esclusi il saccarosio, il fruttosio e l’aspartame). Questa fase può durare fino a 10 giorni e questo periodo viene determinato in base ai chili che bisogna perdere. Il peso da eliminare si calcola in base al risultato che si otterrà con un test sul sito ufficiale della stessa dieta Dukan. Per chiarire questo calcolo basta conoscere il proprio peso e sottrarre quello che si deve raggiungere. In base al numero di chili da perdere (per esempio 15) la prima fase dovrà durare 6 giorni. Meno sono i chili da perdere e meno durerà la fase di attacco.

La seconda fase della dieta Dukan

Si chiama “fase alternativa” o “fase di crociera” e prevede che, agli alimenti a base proteica, si aggiungano le verdure, quindi le fibre. Per quanto riguarda le verdure non tutte sono permesse e bisogna evitare patate, piselli, fagioli, riso e in ogni caso quelle che contengono amido. Per sopperire al bisogno di carboidrati è possibile inserire nel regime alimentare 30 g di crusca corrispondenti a un paio di cucchiai. La crusca è un alimento naturale fondamentale per dieta Dukan in quanto, oltre a essere una buona fonte di carboidrati, è anche utile a limitare il senso di fame se si pensa che il suo volume cresce di 3 volte quando viene a contatto con i liquidi.

E’ curioso constatare che la dieta Dukan non prevede che gli alimenti vengano pesati perché è consentita qualsiasi quantità, tranne che per la crusca, finché non sarà raggiunto il senso di sazietà.

La terza fase della dieta Dukan

Questa è la fase detta “del consolidamento” ed è molto lunga in quanto è quella che permette all’organismo in tempi più o meno lunghi di riprendere i chili di troppo. E’ una fase di ritorno ai cibi che erano stati del tutto eliminati e che quindi possono essere reintrodotti gradualmente nella dieta. Anche per questa fase è necessario calcolare la durata in base ai chili che sono stati persi nelle prime due fasi. Ogni chilo varrà 10 giorni sulla tabella di marcia da seguire, quindi 10 chili corrispondono a 100 giorni. Lentamente si può tornare a mangiare il pane ma integrale e la pasta o i legumi, ma anche le patate, i formaggi non più magri, il riso e la frutta. In particolare i carboidrati delle patate e del riso però devono essere limitati a soli 2 giorni a settimana.

La quarta fase della dieta Dukan

E’ detta “fase della stabilizzazione” ed è finalmente quella in cui si torna alla solita alimentazione e dove tuttavia è sempre bene fare attenzione all’assunzione di grassi sia animali che vegetali. Durante la settimana ci sarà solo un giorno, il giovedì, durante il quale bisognerà seguire il regime alimentare esclusivamente proteico come nella prima fase, quella dell’attacco. Attività fisica e dieta Dukan Per avere risultati dalla dieta Dukan è fondamentale fare attività fisica anche leggera per almeno mezz’ora al giorno, tutti i giorni. E’ sufficiente anche una semplice camminata veloce, andare in bicicletta, fare una nuotata ma in ogni caso muoversi.

Alcuni consigli per la dieta Dukan

E’ molto importante non lasciarsi andare a nessuna eccezione, neppure piccola come un cioccolatino. Il motivo è semplice quanto importante in quanto questa dieta funziona perché si attiva il meccanismo cosiddetto della chitosi, quello cioè che permette di eliminare gli zuccheri quindi i chili in eccesso. E’ verosimile che in diete come queste iperproteiche si possa incorrere in carenze di vitamine e minerali quindi bisogna eseguire tutti i controlli di routine e farsi seguire da un medico che possa constatare uno stato di salute ottimale. E’ consigliabile anche integrare sia le vitamine che i minerali con cure apposite. A causa dell’alto apporto di proteine è possibile che si incorra in episodi di stipsi che possono essere evitati bevendo molta acqua (almeno 2 litri e mezzo al giorno) e facendo una camminata dopo i pasti. E’ possibile che con questo tipo di alimentazione la colesterolemia possa aumentare, soprattutto per chi è predisposto, ed è per questo che è bene fare delle analisi di controllo.

La dieta Dukan nella prima fase si fa apprezzare per la perdita dei chili di troppo molto velocemente ma è molto impegnativa a livello psicologico quindi bisogna prepararsi ad affrontare qualche momento di stanchezza. Le ricette dei piatti Dukan sono facilmente reperibili su internet e anche gli esempi di dieta per tutti i giorni della settimana ma non bisogna dimenticare che, per il mantenimento, si dovrà fare il “giovedì iperproteico” per tutta la vita. Questa dieta infine è fortemente sconsigliata a ragazze e ragazzi nella fase della crescita in quanto il corpo non è ancora “pronto”. I super alcolici non sono permessi nella dieta Dukan ma si può bere un bicchiere di vino al giorno durante il pranzo.


Medicina Roma non entra in merito nel rapporto medico-paziente. Ogni informazione pubblicata dall’ autore Medicina Roma non esprime il giudizio di un medico. Per qualsiasi visita, diagnosi o prevenzione accurata rivolgiti al medico specialista. Per ricevere gratuitamente i nostri ebook o iscriviti alla newsletter del sito www.medicinaroma.it

About MedicinaRoma.it

Le informazioni diffuse da MedicinaRoma.it sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico. Questo sito non è un periodico, non ha cadenze di aggiornamento preordinate e prevedibili, non ha costi per l’ utente finale e non è una testata giornalistica.