RAME NELL’ ORGANISMO : AUMENTA IL RISCHIO DI ALZHEIMER

RAME NELL’ ORGANISMO : AUMENTA IL RISCHIO DI ALZHEIMER

Scoperto un semplice test che può predire il rischio del morbo di Alzheimer. I ricercatori dell’ Associazione Fatebenefratelli per la Ricerca (AFaR), guidati da Rosanna Squitti, hanno sviluppato un esame del sangue in grado di misurare le concentrazioni di rame per le persone a rischio. Si tratta di rame “libero” presente nel sangue, ossia non legato alla proteina che solitamente lo trasporta, chiamata ceruloplasmina. Il rame non ceruleoplasminico (Non-Cp), così denominato, può raggiungere il cervello e danneggiarlo. Livelli eccessivi di rame Non-Cp sono un fattore di rischio da non sottovalutare nell’ Alzheimer.
Oggi la più comune causa di demenza senile è proprio l’ Alzheimer. Colpisce 5 persone su 100 oltre i 60 anni di età. Come dichiarato da Adriana Bazzi nel Corriere della Sera dell’ 11 marzo 2014 “le persone affette dall’ Alzheimer nel mondo sono ben 44 milioni, ed il numero triplicherà entro il 2050”. I ricercatori hanno concentrato la loro attenzione sui livelli di rame libero in 144 pazienti affetti da demenza cognitiva lieve (MCI, Mild cognitive impairment) per ben 6 anni.
Dai risultati statistici ottenuti, considerando la popolazione europea al di sopra dei 60 anni, si passa da una incidenza di conversione da MCI al Morbo di Alzheimer annua del 15% ad una incidenza stimata di conversione del 65% per i soggetti con livelli di Non-Cp superiori alla norma.
Basta sottoporsi ad un esame ematico per predire tale malattia. I ricercatori vorrebbero intervenire sui pazienti con livelli di rame Non-Cp anomali. Ad esempio si potrebbe prescrivere ai pazienti una dieta a bassa contenuto di rame e con assunzione di farmaci a base di zinco, che contrastano l’ assorbimento del rame a livello intestinale.
La Canox4drug, società di ricerca biomedica nata nel 2012, inoltre collaborando con l’ AFaR ha sviluppato il C4D, un test innovativo in grado di misurare la quantità di rame in circolo, in maniera rapida, precisa e replicabile.

About MedicinaRoma.it

Le informazioni diffuse da MedicinaRoma.it sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico. Questo sito non è un periodico, non ha cadenze di aggiornamento preordinate e prevedibili, non ha costi per l’ utente finale e non è una testata giornalistica.