Test di gravidanza

Test di gravidanza

I test di gravidanza sono dei test attualmente molto affidabili per determinare se c’è stata fecondazione e se dunque ha avuto inizio una gravidanza.
Ci sono test generici, che si limitano cioè a dire se si è incinta oppure no, e test più specifici, che indicano anche quanto tempo prima è avvenuta la fecondazione, dunque di quanti giorni – o settimane – si è incinta.

Come funziona un test di gravidanza

I test di gravidanza si basano sulla misurazione dell’ormone Beta HCG, una sigla che sta per Gonadotropina Corionica Umana. Si tratta infatti di un ormone prodotto da alcune cellule che, una volta che l’embrione si sarà installato all’interno della parate uterina, andranno a formare la placenta.
È un ormone che si trova solo nell’organismo di una donna incinta e che si può rilevare all’incirca otto/nove giorni dopo l’avvenuta fecondazione. La sua funzione principale è quella di preservare le secrezioni ovariche che impediscono l’arrivo del ciclo, facendo così in modo che l’ovulo fecondato permanga nell’utero.

Tipologie dei test di gravidanza

Ci sono diverse tipologie di test di gravidanza. Uno dei più utilizzati, che può essere comprato in una qualsiasi farmacia (ma anche negli ipermercati o nella parafarmacie), è quello di tipo urinario, che cerca cioè un’eventuale presenza dell’ormone Beta HCG nelle urine. Questo tipo di test – molto simile a una sorta di termometro – contiene degli anticorpi che reagiscono alla presenza o meno dell’ormone cambiando colore o comunque determinando la comparsa di un simbolo specifico che varia di test in test (una seconda linea, una linea blu, ecrinarcetera). Se l’esito del test di gravidanza urinario è positivo, il risultato è certo al 99%: è dunque quasi impossibile che si tratti di un falso positivo. Al contrario, se il test è negativo, la percentuale di errore è molto più elevata. Questo perché l’ormone Beta HCG, anche se non è stato rilevato dal test, in realtà c’è: a volte, infatti, non viene rilevato per errore, perché il test è stato effettuato troppo presto o perché magari era scaduto o è stato mal conservato. Per essere più affidabile, questo tipo test va fatto al mattino, quando l’urina è più concentrata.

Più affidabile rispetto al test di gravidanza urinario è quello sanguigno, che può essere ordinato dal proprio medico curante/ginecologo oppure realizzato in laboratorio. Il test qualitativo è indubbiamente il più semplice, ma anche il meno preciso, poiché può essere solo positivo o negativo, dunque indicare se si è incinta oppure no. Al contrario, il test di tipo quantitativo rileva anche quale sia la concentrazione dell’ormone Beta HCG nel sangue: ciò permette di conoscere in maniera piuttosto precisa i giorni in cui può essere avvenuta la fecondazione. Entrambe queste tipologie di test sanguigno sono affidabili al 100% e permettono di sapere con assoluta certezza se si è incinta o no.

Esiste anche un terzo tipo di test di gravidanza, quello salivale, che rileva la presenza dell’ormone della saliva. Esso tuttavia è poco diffuso in Italia, anche perché, pur assicurando un’affidabilità pari al 98%, deve essere comunque seguito da un test sanguigno che fornisca la certezza assoluta. Per quanto riguarda i test urinari, che come abbiamo detto sono di gran lunga i più diffusi tra la popolazione femminile, per essere maggiormente affidabili vanno effettuati almeno dieci giorni dopo l’avvenuta fecondazione.
Ciò presuppone che la donna ricordi l’eventuale rapporto a rischio, o che comunque lasci passare del tempo dall’ultimo rapporto scoperto al momento del test. Prima dei dieci giorni, infatti, è altamente probabile che il test non riesca a rilevare l’HCG perché il suo tasso nell’urina non è sufficientemente elevato. In caso di esito negativo, comunque, è sempre bene ripetere il test a distanza di una settimana, o, in alternativa affidarsi a quello del sangue per avere la certezza assoluta.

Effettuare il test al mattino è sempre consigliabile, tranne in un caso: quando la sera prima si è bevuto troppo, circostanza che potrebbe alterare i risultati. Anche l’utilizzo di determinati farmaci potrebbe inficiare il risultato del test di gravidanza, falsandolo, soprattutto se si stanno assumendo antibiotici oppure antidepressivi; in ogni caso sul bugiardino è riportata la lista dei medicinali o delle sostanze che potrebbero interferire con test, che dunque andrebbe ripetuto a cura terminata. I test di gravidanza hanno un prezzo che varia dai dieci ai trenta euro, e sono oggi molto più precisi rispetto al passato.


Medicina Roma non entra in merito nel rapporto medico-paziente. Ogni informazione pubblicata dall’ autore Medicina Roma non esprime il giudizio di un medico. Per qualsiasi visita, diagnosi o prevenzione accurata rivolgiti al medico specialista. Se questo articolo ti è piaciuto puoi scaricare gratuitamente i nostri ebook o iscriverti alla newsletter e lasciare il tuo commento di seguito.

About MedicinaRoma.it

Le informazioni diffuse da MedicinaRoma.it sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico. Questo sito non è un periodico, non ha cadenze di aggiornamento preordinate e prevedibili, non ha costi per l’ utente finale e non è una testata giornalistica.